Il tuo browser non supporta JavaScript!

LA QUESTIONE DEI CAVALLI E LA SOLUZIONE INEFFABILE

Recensione di: La questione dei cavalli
02.11.2020

Se si cercano libri diversi, narrazioni eccentriche, un veleggiare a vista e non troppo programmato, ecco che arriva a puntino La questione dei cavalli di Arianna Ulian. Talvolta basta un’idea di base, eccentrica fino al midollo, per cambiare il destino di un romanzo – sempre che si riesca a scriverlo. In questo caso l’idea balzana/originale di un famoso regista hollywoodiano di girare un western a Venezia, idea già di per sé induttrice di un bel sollevamento di sopracciglia, fa da detonatore a una storia che però non esplode, ma implode in maniera parossistica, una storia freneticamente immobile, che produce tensione e tensione e tensione.

Dovessimo identificare un vero protagonista, non lo troveremmo: né umano né animale (i veri protagonisti sono l’odore, la luce opaca, i rumori ovattati della laguna) perché più o meno tutti assumono un’aura di protagonismo che evoca il coro, ma non il coro greco alle spalle dell’eroe, quanto piuttosto l’onda di una ola emotiva a cui tutti devono partecipare.

Iniziano le maestranze del film, a cantare lo spartito della vivacità e dell’emozione; poi però arriva Momo a creare disagio, un ragazzino verosimilmente autistico che elabora una sua ossessione senza sapere che ha ragione; poi i cowboy inventati dalle comparse veneziane, che riproducono un clima di violenza e sopraffazione immotivati che sembrano molto universali; e le voci forse tangenti ma molto colorate che drappeggiano la storia si moltiplicano pagina dopo pagina, creando la comunità del disagio che ispessisce la narrazione, e oserei dire senza pietà.

In un libro siffatto la non-linearità della narrazione, la frammentarietà e il moltiplicarsi dei set (guarda caso) potrebbero preludere, alla lunga, a una certa stanchezza, la ripetizione può diventare stucchevole, e far sbuffare. Qui, mai. Perché ogni singolo tassello del puzzle che va (lentamente) a posto non apre a una soluzione, quanto piuttosto a un nuovo malessere. E qui spendo un gran nome: Patricia Highsmith (e  per me è un gran complimento), maestra dell’immobilità furiosa, e della tensione senza scampo.

Questa qualità la apprezziamo soprattutto quando Arianna ci introduce alla sospensione della realtà, quasi oniroide, che c’è su un set cinematografico, che però è anche quanto di più pragmatico, tecnico, pieno di aggeggi e aggeggini che ci sia. E quando ci fa capire come si possa far assurgere a una metafisica anche il più scontato dei problemi amministrativi, come quello per esempio di un trasferimento di cavalli. Brava, bravissima.

Il tutto è magicamente annaffiato dallo stile, elegante, ricercato, poetico, ma mai scostante, o presuntuoso: “…è piuttosto girare attorno alle cose come fossero branchi di prede e poi individuare il varco e poi.” Questo reiterare il poi senza un vero arrivo è più che mai una dichiarazione di stile. Associando poi perle preziose a tutto spiano: un corpo guidato dalle ossa, che arrivano sempre prime; un rosa pelle, l’orribile colore delle bambole esangui e delle nuvole nei bigliettini pasquali – e via impreziosendo.

In sostanza un libro tra i libri che cercano qualcos’altro, magari non sanno neanche cosa ma altro, non la solita linea ma l’arabesco, e più gli interstizi che la via maestra. Fascinazione da scaldare le ossa, mistero da pungere il cervello: una vera rarità.

La questione dei cavalli

di Arianna Ulian

editore: Laurana Editore

pagine: 288

«Il ritratto di una Venezia che nessuno si poteva aspettare. Una prova autoriale che merita il più grande rispetto». Dario Voltolini
18,00

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento