Il tuo browser non supporta JavaScript!

Un thriller all’ombra del Muro di Berlino

Recensione di: Il Palazzo delle lacrime
21.11.2019

“Oltrepasso il confine. Non c’è niente da fare. Non mi abituerò mai a tornare nella Zona, l’area sotto il controllo sovietico. L’impatto del silenzio subito oltre il Muro è stordente. È il benvenuto a Stasilandia. Bisogna percorrere un paio di chilometri prima di tornare ad avvertire il rumore rantolante dei motori a tre tempi delle Trabant, dei catorci in fibra di vetro cui si accompagnano l’odore di olio bruciato e dei fumi grigio-azzurri che portano con loro quel senso di precarietà che è proprio di tutto il Paese.

Qui è tutto vecchio, rallentato, rassegnato persino nei colori, mondo precapitalistico, dove il passato è tornato a superare il futuro. Società socialista  dove tutto è dottrina di Stato, dove vige un atteggiamento paternalista nei confronti del cittadino, retaggio dello spirito imperiale prussiano mai del tutto rimosso. Società nevrotizzata dalla claustrofobia che a sua volta estremizza perbenismo, correttezza formale, puntigliosità rendendo soffocante ogni contatto umano. È per queste cose che l’Ovest ci osserva con uno sguardo sentimentale , non cogliendo la dimensione tragica della Storia che ci ha portato alla separazione.”

Queste sono le parole di Martin Krause, protagonista del romanzo Il palazzo delle Lacrime  [...]

CLICCA QUI per leggere l'articolo pubblicato su Zeropositivo

Il Palazzo delle lacrime

di Paolo Grugni

editore: Laurana Editore

pagine: 300

Fuga dalla cortina di ferro Berlino Est, 1976
16,90

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.