Il tuo browser non supporta JavaScript!

TELLUSFOLIO.IT - L'ISOLA DI CARONTE

Recensione di: L'isola di Caronte
30.09.2021
Caronte occhi di bragia, il gran traghettatore di ombre che furon vita. Ustica, paradiso nell’azzurro infinito del mare. Un’impresa di pompe funebri per un morto eccellente nell’isola: un giornalista antimafia, Peppino Vella, trovato cadavere dopo un fatale volo dalla scogliera.

Alessandro Buttitta scrive un romanzo – dal titolo emblematico: L’isola di Caronte (pp. 152, euro 15, 2021, Laurana Editore) – che è più di un giallo-noir: una storia di atmosfera culturale ed esistenziale di rara finezza, una disamina della psicologia di una terra complessa quale la Sicilia è, misteriosa, ineffabile, preziosa, dove può capitare di non dire per dire, dove il silenzio stesso parla e talora grida, dove lo spessore umano, individuale e relazionale, è potente, figlio di un bagaglio culturale antico (talvolta arcaico), di variegati umori e suggestioni, intrecci e sedimenti. Oscura e splendida Sicilia, terra magica di generosi abitanti.

CLICCA QUI per proseguire nella lettura

 

L'isola di Caronte

di Alessandro Buttitta

editore: Laurana Editore

pagine: 152

Meglio seppellire le proprie ambizioni che esser seppellito con le proprie frustrazioni. Andrea Mangiapane, trentenne con due lauree che servono soltanto ad abbellire il curriculum vitae, decide di accettare un lavoro come becchino all’agenzia di pompe funebri Vita Natural Durante, diretta dallo sfuggente signor Durante. Nella squadra dell’eterno riposo lo accompagnano il nobile decaduto Giacomo Castiglia, il ruvido Nino e Salvo, un ragazzotto impulsivo che cela grandi qualità nella tanatoestetica. Con una bara in spalla e molti dubbi in testa, Andrea si reca in trasferta a Ustica per occuparsi del funerale di un giornalista, ritrovato senza vita in circostanze poco chiare. Contravvenendo alle indicazioni dei colleghi, il ragazzo si ritrova a curiosare sul caso sulla scia di intuizioni di sciasciana memoria. Per lui, tra veglie piene di bisbigli e visite notturne al cimitero, è l’occasione per mettere ordine tra le tante parole che hanno segnato la sua esistenza.
15,00

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento