Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il palazzo delle lacrime: storia di spionaggio nella Berlino Est

Recensione di: Il Palazzo delle lacrime
12.12.2019
Una spy story ambientata nella Berlino degli anni ’70 del secolo scorso, in cui, imponente e intransigente, un muro divide l’est dall’ovest, il progresso e la libertà dell’individuo dalla miseria e dalla dittatura.

Il protagonista di questa storia è Martin Krause, un agente della Stasi, la principale organizzazione di sicurezza e spionaggio della Repubblica Democratica Tedesca nella Germania Est. A Martin viene affidato l’incarico di indagare sull’omicidio di una giovane donna, trovata morta con strane ferite sul corpo a Treptower Park, nella Berlino Est.

Le prime indagini presentano una ragazza dall’apparenza irreprensibile, benvoluta e impegnata su diversi fronti, ma sappiamo bene che le apparenze ingannano. Man mano che procede nelle indagini, Krause si rende conto che qualcosa non quadra e la vicenda prende una brutta piega quando scopre che Jula, questo il nome della vittima, si recava periodicamente, con la scusa della visita ad una zia malata, nella Berlino Ovest.

Le indagini procedono senza grandi risvolti, ma ad un certo punto alla morte di Jula si intrecciano una scia di omicidi che rivelano un legame con le alte sfere della Germania comunista. A questo punto Krause viene sollevato dall’incarico, ma lui è deciso ad andare fino in fondo alla vicenda, vuole trovare l’assassino, anche se ciò potrebbe rappresentare la fine.

CLICCA QUI per leggere il resto della recensione su www.ilprogressonline.it

Il Palazzo delle lacrime

di Paolo Grugni

editore: Laurana Editore

pagine: 300

Fuga dalla cortina di ferro Berlino Est, 1976
16,90

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.