Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il palazzo delle lacrime – Paolo Grugni

Recensione di: Il Palazzo delle lacrime
07.10.2019
Nel 1976 Berlino è divisa in due dal Muro innalzato quindici anni prima: siamo in piena “guerra fredda” e la parte orientale della città è sotto il dominio dell’Unione Sovietica. Il controllo è assicurato dalla Stasi, il Ministero per la Sicurezza di Stato, in realtà vera e propria organizzazione di sicurezza e spionaggio della Germania Est. Di essa fa parte anche Martin Krause, protagonista del romanzo. Il maggiore, figlio di italiani, si occupa di controspionaggio, ma, abbastanza stranamente, gli viene affidato il caso di una ragazza uccisa in un parco. Dopo un primo momento di comprensibile sorpresa, Martin non può che obbedire agli ordini e si mette subito al lavoro. Varie tracce lo conducono al di là del Muro, dove può contare su alcuni informatori. Gli omicidi, intanto, continuano sia a Est sia a Ovest e Martin è costretto a oltrepassare spesso il confine. Questi spostamenti acuiscono i dubbi che da tempo lo tormentano: vive davvero dalla parte “giusta” del Muro?

CLICCA QUI per leggere l'intera recensione.

Il Palazzo delle lacrime

di Paolo Grugni

editore: Laurana Editore

pagine: 300

Fuga dalla cortina di ferro Berlino Est, 1976
16,90

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.