Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

LA BOTTEGA DEL GIALLO - TUTTA COLPA DI CHOPIN

Recensione di: Tutta colpa di Chopin
30.04.2024
I “Pastardi”, come si sono autonominati e come gli piace presentarsi sui social, sono tornati in libreria e lo hanno fatto con stile e successo. La seconda avventura di Olga Cazzaniga, il personaggio femminile più riuscito e originale della narrativa di genere degli ultimi anni, piace e convince perché dentro c’è una storia ben congeniata, superbamente realizzata e con un pool di personaggi iconici a fare da corona alla protagonista. Leggendo Tutta colpa di Chopin si comprende quanto il talento personale possa essere amplificato e perfezionato accanto al partner di scrittura giusto al fine di creare quella voce unica e potente che sa far sorridere chi legge e allo stesso tempo incuriosire e appassionare. Prima della premiata ditta Aicardi-Pastori non c’era nulla di simile nella nostra giallistica perché, di fatto, mancava il personaggio ideale in cui ogni donna, di ogni età e condizione, potesse ritrovare buona parte dell’enorme ventaglio di contraddizioni, fragilità, convinzioni, aspirazioni e umori che l’universo femminile possiede.


CLICCA QUI per leggere l'intervista

Tutta colpa di Chopin

di Cristina Aicardi, Ferdinando Pastori

editore: Laurana Editore

pagine: 232

A Milano l’estate non ne vuole sapere di cedere il passo all’autunno, così come Olga Cazzaniga Peroni di stare lontana dai guai. Questa volta è il furto subito da un’amica a fornirle l’occasione di tornare a collaborare con l’investigatore privato Franco Reali. Inizialmente restio a occuparsi del caso, Reali finisce comunque per accettare l’incarico nonostante la presenza ingombrante della vulcanica brianzola, ricomponendo così una delle coppie più improbabili e fuori dagli schemi del giallo italiano. L’investigatore e la sua squadra dovranno non solo trovare il filo rosso che collega la Brianza a Milano, ma anche provare a imbrigliare l’incontenibile Olga. Mistero, azione e ironia sono gli ingredienti di questa nuova commedia gialla dove i personaggi, già apparsi in Dolce da morire, tornano in scena ancora più imprevedibili, scorretti e coinvolgenti che mai.
17,00

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.