Sottoscrivi RSS

«

»

dic
12

…su “Gruppo 2009″

“La notte dei petali bianchi”, il romanzo d’esordio di Gianfranco Di Fiore

di Piera Maculotti

Una Commedia drammaticamente umana, con qualche traccia divina

L’inferno di Dante è qui, accanto a noi. Nel buio di una crisi che svuota fabbriche e capannoni, che riempie di vuoto luccicante i centri commerciali. Anche nel bresciano.

Per esempio nella plaga tra Chiari, Rovato, Erbusco e il Garda dove si trascina la desolazione di Dante, il protagonista de La notte dei petali bianchi (Laurana ed. pp.248 €16.50), il romanzo d’esordio di Gianfranco Di Fiore (Agropoli, Salerno, 1978), musicista indie rock, regista e sceneggiatore (per quattro anni ha collaborato con il Giffoni Film Festival).

E’ una musica veloce, aspra e dura quella che racconta la quotidiana selva oscura di Dante, ultraquarantenne solitario che se ne va nel buio e nel gelo della notte, con la pistola in pugno o in tasca. In testa solo cattivi ricordi e tetri pensieri. Fa la guardia giurata, fin quando non perderà anche questa notturna occupazione; così il niente intorno che dà il titolo alla prima parte del libro sarà totale.

Solitudine. Odio. Violenza. Dentro e fuori le mura domestiche. Abusi, soprattutto sessuali. E trasversali: non sono appannaggio esclusivo del protagonista, pura razza italiana, ma appartengono anche al mondo dei nuovi arrivati: albanesi, rumeni, marocchini.

E marocchina è lei, la bellissima Samira, 15 anni, di cui lui, anni 46, s’innamora.

Con lei – dopo un’esistenza d’inferno – Dante sogna di aprirsi a una Vita Nuova

Ma la realtà è la puzza e il gelo di un camper vicino al cimitero, e la paura che si rinnova ad ogni incontro.

Una musulmana non può sposare un cattolico. La norma è chiara e la donna schiava.

Sono vite sottovuoto, prosciugate dai divieti e dalla sottomissione quelle delle immigrate. Ma tra i petali bianchi di Gianfranco Di Fiore è notte anche per le donne italiane. Violenza, vuoto, sesso a perdere tra alcol e dipendenze varie.

Differenti solitudini di vite ugualmente bloccate.

E tanta rabbia intorno: troppi i poveri e cattivi e molti gli arabi inferociti in lotta con il mondo… Lotte dure e pure, magari ispirate alle sacre parole del Corano.

Sarà quella la Via?

Tra tanta sofferenza pronta a esplodere c’è chi sogna – e tenta – salvifiche scorciatoie per il Paradiso.

Intanto, quaggiù, la campagna bresciana è una desolazione dove tutto sembra sparire. Tutto, scrive l’autore. Tranne la vita

http://www.gruppo2009.it/index.php?option=com_content&view=article&id=559%3Aqla-notte-dei-petali-bianchi-q-il-romanzo-desordio-di-gianfranco-di-fiore&catid=35%3Alibri&Itemid=123

Nessun commento disponibile

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo EMAIL non viene pubblicato!

Puoi usare i seguenti tag HTML per scrivere: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>