Ago 20

…su “Dissapore”

da avere

Ti manca il libro dell’estate? L’ho scritto io: 10 ottimi motivi per non cominciare una dieta

di Massimo Bernardi

Quest’estate ferie zero: mai visto uno che vuol diventare ricco perdere tempo? Ho appena scritto il libro dell’anno. Non c’è voluto molto, è bastato scegliere un tema mediatico con ricadute sconce sulla copertina così poi L’Espresso te lo mette in prima pagina. L’editore si è subito convinto. Beh, non proprio. Ho anche dovuto promettere lo pseudonimo, un libro sui motivi per cui le donne non dovrebbero iniziare una dieta firmato Massimo Bernardi, chi lo compra? Ci ho provato con Bernàrd, l’antidietologo, pensavo bastasse a pensionare Dukan. Già immaginavo un mare di contante inondare il mio conto prosciugato quando è piovuto l’ordine dall’alto: “trovati un’identità segreta”.

Ho buttato già la prima proposta.

50 SFUMATURE DI SFIGA FACENDO LA DUKAN. di Martina E.L. (Laurana, 138 pagine, 11,90 euro).

Nanda, una canuta commessa del Lidl, costretta dalla legge sugli esodati a lavorare fino a 96 anni, combatte i chili di troppo lucchettando il frigo e iniziando tragiche diete al lunedì per poi trasgredire il giovedì. Un giorno, per colpa di una sua collega ciellina che quella sera lì ha una prova costume con la Bindi, partecipa alle trattative col Governo per i tagli lineari dei Ticket Restaurant. Lì conosce Pierre, una personalità dominante che mostra un’inspiegabile e voracissima attrazione nei confronti della sua dieta. Alla frase “Qui ci vuole la Dukan con fase d’attacco ripetuta”, Nanda capisce che quell’uomo farà di lei ciò che vuole. Seguono 180 pagine di bondage estremo a base di legature, pollame, corsetti, sogni bagnati ad Oro Saiwa, bavagli e crusca d’avena, in cui lei finge di essere disponibile a valutare ogni posizione ma costringe il protagonista sempre nella stessa, però con lascivi passaggi di bresaola da una bocca all’altra. Alla fine il governo cade, la Bindi diventa ministro, Pierre torna a fare il dietologo, e Nanda, non più ossessionata dal dover essere magra, perde la testa per la sua figura morbida. Tira un sospiro di sollievo e, finalmente orgogliosa apre un blog: Curvy, Foodie, Hungry.

Mi hanno risposto che così non era il libro dell’anno, forse con qualche aggiustatura. Ho buttato giù la seconda proposta.

10 OTTIMI MOTIVI PER NON COMINCIARE UNA DIETA. di Martina Liverani (Laurana, 138 pagine, 11,90 euro).
Martina Liverani, giornalista e blogger, è una donna felice e si vede: ha gli occhi che ridono. Forse è anche perché, dopo anni in cui ha combattuto contro i chili di troppo, lucchettando il frigo e iniziando tragiche diete al lunedì per poi trasgredire il giovedì, ha fatto pace con il cibo e la sua figura morbida. Oggi scrive appunto, di food su Dissapore e ha un blog su Vogue.it il cui titolo è un programma: Curvy, Foodie, Hungry.  Finalmente decide di mettere in un libro tutto ciò che le donne in fondo pensano, ma non hanno il coraggio di dire: le diete non funzionano, costano un sacco, non le fanno belle, sono una tortura, una noia mortale e non sono sexy! Insomma, è molto meglio essere normali piuttosto che ossessionate dalla taglia 38, e vivere il proprio corpo, curve, rotolini e pancetta compresa, senza per forza fare la Dukan. Le donne vere hanno le curve, le altre usano Photoshop!

Alla fine Laurana l’ha pubblicato, e se siete arrivati a leggere fin qui allora correte a comprarlo così diventa il libro dell’estate. L’inizio è promettente, pensate c’è persino una mitomane che giura e spegiura di essere la vera Martina Liverani.

[Crediti | Il post è un omaggio a Luca Bottura. Link: Amazon.it, Curvy Foodie Hungry, Vanity Blog. Immagine: Martina Liverani]

http://www.dissapore.com/grande-notizia/ti-manca-il-libro-dellestate-lho-scritto-io-10-ottimi-motivi-per-non-cominciare-una-dieta/