Sottoscrivi RSS

set
23

Bottega di narrazione 2016-2017: il bando

La Bottega di narrazione: qualcosa di più di un corso di scrittura creativa

La Bottega di narrazione (vedi il sito) non è solo un corso di scrittura creativa (qualunque cosa si voglia intendere con queste due parole, ormai inflazionate e purtroppo screditate).

La Bottega di narrazione, nata nel 2010 da un’intuizione di Massimo Cassani e condotta fin qui da Giulio Mozzi con la collaborazione di Gabriele Dadati, è un’esperienza formativa nella quale l’apprendista e il suo progetto narrativo stanno al centro di tutto.

Infatti alla Bottega (che dura un po’ più di un anno) ci si candida proponendo un “progetto di narrazione” da sviluppare (in genere si tratta di un romanzo, ma può trattarsi anche un libro di racconti, di un’inchiesta, di un memoir e così via); e a parte alcune lezioni introduttive su questioni specifiche (la “semina” e la “raccolta” delle informazioni nel corso della narrazione; la costruzione della scena; le partizioni della narrazione; ecc.) il tempo degli incontri mensili in Bottega è dedicato soprattutto al laboratorio, ossia alla discussione e alla definizione dei progetti narrativi (nei primi incontri) e all’esame puntiglioso dei testi nelle loro successivi stesure.

I contenuti tipici di un corso di scrittura creativa (l’elaborazione dell’intreccio, il trattamento stilistico, la formazione dei personaggi e dei loro legami, l’ambientazione, la gestione del punto di vista, eccetera) non vengono offerti astrattamente, ma inseriti via via che il lavoro sulle opere in corso lo richiede.

Il sesto anno della Bottega di narrazione (2016-2017)

La sesta annualità della Bottega di narrazione dell’editore Laurana comincerà nel novembre del 2016 e finirà nel gennaio del 2018. Sono previsti dodici incontri della durata di un fine di settimana ciascuno, per un totale di circa 200 ore d’aula. Altri due fine di settimana saranno riservati per incontri individuali o a piccoli gruppi (altri incontri individuali saranno fissati via via, quando necessario).

Il calendario della Bottega 2016-2017 è il seguente:

1. sabato 26 e domenica 27 novembre 2016,
2. sabato 10 e domenica 11 dicembre 2016,
3. sabato 14 e domenica 15 gennaio 2017,
4. sabato 11 e domenica 12 febbraio 2017,
5. sabato 4 e domenica 5 marzo 2017,
6. sabato 25 e domenica 26 marzo 2017,
7. sabato 22 e domenica 23 aprile 2017,
8. sabato 13 e domenica 14 maggio 2017,
9. sabato 10 e domenica 11 giugno 2017,
10. sabato 15 e domenica 16 luglio 2017,
11. sabato 9 e domenica 10 settembre 2017,
12. sabato 21 e domenica 22 ottobre 2017.

Oltre a questi incontri vi saranno due fine settimana, le cui date saranno concordate col gruppo dei partecipanti, per incontri individuali; e un incontro finale di presentazione agli editori, in gennaio 2018.

Le date sopra indicate potranno essere modificate, d’accordo col gruppo dei partecipanti, in base
- allo svolgimento di fiere in Milano (che provoca, in genere, un innalzamento stratosferico dei costi per chi deve alloggiare in albergo),
- alle date delle manifestazioni del comparto editoriale (la data del Salone del libro di Torino è stata confermata; non si sa con certezza se vi sarà un Salone milanese e quando si svolgerà; non sono ancora note le date di varii festival letterari che si svolgono in autunno; ecc.

Che cosa si farà in Bottega?

Nella Bottega è centrale il “laboratorio”. Tuttavia, nei primi incontri ci sarà una certa prevalenza di “lezioni” su contenuti fondamentali; la parte di mezzo della Bottega (tra febbraio e maggio) sarà dedicata soprattutto alle questioni relative agli intrecci e alle strutturazioni delle narrazioni; la parte finale sarà dedicata soprattutto alla revisione e al trattamento stilistico.

Le lezioni di docenti esterni saranno programmate sulla base dei progetti pervenuti e dell’andamento del lavoro (se ci saranno romanzi storici faremo un approfondimento sul romanzo storico, se ci saranno racconti faremo un approfondimento sul racconto, e così via).

Per farsi un’idea

Chi volesse farsi un’idea del lavoro che si fa in Bottega di narrazione, può
- guardare le videolezioni di Giulio Mozzi pubblicate nel sito della Bottega,
- leggere il semiserio libro Se incontri Giulio Mozzi per la strada, uccidilo;
- leggere la serie di 100 articoli di Giulio Mozzi pubblicata con il titolo (non) Un corso di scrittura e narrazione.

Come ci si candida alla Bottega di narrazione?

Ci si candida alla Bottega presentando un “progetto di narrazione”, redatto in qualunque forma si voglia (soggetto, scaletta, stesura parziale, prima stesura ecc.) e corredato di qualunque informazione il candidato o la candidata ritengano utile (curriculum, autopresentazione, tesi di laurea, opere collaterali o già pubblicate, ecc.).

Saranno ammessi alla Bottega tra i quindici e i venti progetti. Nel corso dell’annualità ogni “apprendista” lavorerà alla propria opera, con l’obiettivo di completarne almeno una stesura semidefinitiva entro il dicembre 2017.

I progetti di narrazione vanno inviati all’indirizzo: bottegadinarrazione@gmail.com, scrivendo nell’oggetto: «Candidatura alla Bottega di narrazione».

Scheda di dati

Dato per scontato che ogni progetto dovrà contenere, nella prima pagina, nome e recapiti del candidato o della candidata, chi intenda candidarsi è invitato a compilare, e a spedire insieme al progetto, la Scheda dei dati che può prelevare qui. Ovviamente il nome del file della Scheda dovrà essere modificato in modo da recare il nome e cognome del candidato o della candidata.

Entro quando ci si deve candidare?

Le email con i progetti dovranno arrivare entro la mezzanotte di domenica 23 ottobre 2016. I nomi dei selezionati saranno resi noti entro la mezzanotte di domenica 6 novembre 2015. Chi invierà un progetto, anche nel caso in cui fosse selezionato, non sarà impegnato a iscriversi.

E’ possibile inviare più di un progetto.

Quanto costa candidarsi alla Bottega di narrazione?

Nulla. L’invio di un progetto non costituisce un impegno a partecipare.

Borsa di studio

Al momento della selezione sarà assegnata una borsa di studio del valore di 500 euro fornita dall’editore Laurana, organizzatore della Bottega di narrazione.
I criteri per l’assegnazione della borsa di studio saranno: età del candidato o della candidata, situazione lavorativa.

Sconti

Chi abbia già frequentato, in qualunque annualità, il Corso fondamentale di narrazione della Bottega, si vedrà scontare dalla quota d’iscrizione alla Bottega l’80% quanto già pagato per l’iscrizione al Corso fondamentale.
Borsa di studio e sconto potranno essere cumulati.

Quanto costa frequentare la Bottega di narrazione?

La quota d’iscrizione per la sesta annualità è fissata a 2.400 euro, iva compresa, da versarsi in tre soluzioni (entro il 21 novembre 2016, entro la fine di febbraio 2017, entro la fine di giugno 2017); la quota è ridotta a 1.900 euro, iva compresa, per chi decidesse di pagarla in un’unica soluzione, entro il 21 novembre 2016.

Sede, orari

La sede della Bottega di narrazione è a Milano in via Carlo Tenca 7, sette minuti a piedi dalla Stazione Centrale.
L’orario abituale degli incontri è: il sabato, dalle 10.30 alle 13 e dalle 14.30 alle 20; la domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.

Contatti, altre informazioni

Per qualunque informazione o richiesta si può scrivere a: bottegadinarrazione@gmail.com

Pubblicazioni

Diversi romanzi scritti nel corso d’una Bottega sono stati pubblicati nel corso degli anni:
- L’inferno avrà i tuoi occhi, di Silvia Montemurro, Newton Compton;
- La felicità sta in un altro posto, di Sara Loffredi, Rizzoli;
- Non più notte, di Alessandra Casaltoli, Ets;
- Il contrario dell’amore, di Sabrina Rondinelli, Indiana;
- Una famiglia imperfetta, di Nicola D’Attilio, San Paolo;
- Masnago, di Giovanni Fiorina, Marsilio.
- Il tempo fa il suo mestiere. La saga dei Rosenberg, romanzo di Stella Eisenberg, Spartaco.

Per la primavera del 2017 è prevista l’uscita di
- Come stavamo ieri (titolo provvisorio), romanzo di Claudia Grendene, presso Marsilio.

Altre trattative sono in corso.

Hanno insegnato nella Bottega di narrazione

Silvia Ballestra, Valentina Balzarotti, Carola Barbero, Valter Binaghi, Gianni Biondillo, Stefano Brugnolo, Giuseppe Caliceti, Massimo Cassani, Mauro Covacich, Claudio Damiani, Valentina Ferrara, Giuseppe Genna, Antonio Franchini, Helena Janeczek, Lorenzo Marchese, Michele Mari, Luca Masali, Luigi Matt, Michele Monina, Raul Montanari, Demetrio Paolin, Marco Peano, Bruno Pischedda, Lorenza Pozzi, Matteo Righetto, Alessandra Sarchi, Antonio Scurati, Guido Spaini, Giorgio Vasta, Alessandro Zaccuri.

La Bottega di narrazione

Visita il sito della Bottega di narrazione (clicca sull'immagine)

lug
20

…su Suono

lug
15

…su “Critica Letteraria”

L’Emilia Rossa e il terrorismo nero: il 1977 noir di Paolo Grugni

di Luca Pantarotto

Tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Ottanta l’Italia è stata in guerra. Una guerra senza nome: non la troverete nella classica scansione cronologica degli eventi bellici del nostro bellissimo e orribile Paese. Per non concederle ufficialità, si è preferito ricorrere alla più generica etichetta di “Anni di piombo”, efficace, sì, nell’idea di definire un certo periodo storico con il nome comunemente associato al metallo delle pallottole. Ma non sufficiente. Una guerra è una guerra, e quella combattuta in Italia in quegli anni fu una guerra civile in piena regola. Attentati, atti dimostrativi, omicidi politici, riunioni clandestine, cospirazioni, trame sovversive, servizi segreti inquinati o deviati, doppio e triplo gioco, logge massoniche (la P2), scontri tra estremismi opposti nell’ideologia (neri e rossi, fascisti e comunisti) ma omologhi nei metodi e negli scopi, la nascita di un Movimento autonomo che vuole porsi come alternativa a tutti (PCI, DC, sindacalismo opportunista) e che perciò tutti ostacolano. Fino all’intervento dell’esercito che, con l’avanzata minacciosa dei carri armati inviati da Cossiga nel marzo del 1977, cala il sipario sugli scontri di Bologna – che ormai, spogliando l’ipocrisia delle parole del loro ultimo velo, sarebbe ora di chiamare con il più veritiero nome di “battaglia di Bologna”. Leggi tutto »

lug
07

… su Libertà

lug
06

…su “Di Più”

lug
06

…su “Avvenire”

giu
25

…su Strumenti Musicali

giu
25

…su “Rivista Fralerighe”

La geografia delle piogge, di Paolo Grugni

di Massimo Minimo

Mauro Casagrande era un giornalista d’inchiesta, ma a un certo punto s’è tirato indietro: ha capito che, per quanto si possa scavare, la verità resta sempre un miraggio. Di colpo però la cronaca nera viene a riprenderselo. Federica, la sua fidanzata avvocato, deve difendere Gloria Massari, una madre che ha provocato la morte del figlio appena nato, portatore di handicap. Ma la donna sceglie di non essere difesa, vuole solo poter rilasciare una dichiarazione spontanea con cui motivare la sua tragica decisione. E vuole che sia proprio Mauro a scriverla. Ma non è ancora tutto: lo zio Nino, fratello del padre di Mauro, titolare di un bar a Paderno Dugnano, è taglieggiato dalla ’ndrangheta e non ce la fa più.

Leggi tutto »

giu
22

…su “Repubblica.it”

“Lontani dagli occhi”, non dal cuore. Storie di cinque stelle fuori dal coro

di Paolo Russo

In un libro di Enzo Gentile ascese e derive di “artisti esemplari” che cambiarono la nostra canzone: Fred Buscaglione, Piero Ciampi, Sergio Endrigo, Nino Ferrer e Herbert Pagani. Intellettuali-artigiani curiosi, versatili e colti, che suonavano jazz, scrivevano, dipingevano, facevano cinema, tv e radio. E con loro, fra ’50 e ’70, nacque la nuova industria discografica italiana.

Leggi tutto »

giu
10

…su “Il Fatto Quotidiano”

Indietro «